ARCHIVIO
Robirobi
  21.02.2011 | 22:56
disputatio brocculi cum spinacio
 

di Alessia Stradiotti

 

 

Un bel mattin di sole,

in cucina, dove la pancia duole,

un broccolo e uno spinacio litigarono a parole.

 

Questo incominciò: “Io sono il più forte di tutti gli ortaggi,

perché tengo tanto ferro

e sono il preferito dei saggi”.

 

Quello replicò: “Tu sarai il più vigoroso,

ma sei pure un po’ noioso;

io sono il più carino, perché piaccio anche a un bambino”.

 

Lo spinacio continuò: “ Tu puzzi come uno sterco,

non sei proprio quel che cerco;

io son tanto delicato, lo senti col palato”.

 

Il broccolo pronunciò: “Ti restringi come una spugna,

rispetto a te è meglio una prugna;

io mi difendo dal nemico con la mia scorza verde antico”.

 

Il dur litigio incolto, non durò ancora per molto,

quando arrivò un maiale che con la sua arma letale

le verdure divorò e mai più se ne parlò.

 

Autore: robirobi | Commenti 1 | Scrivi un commento

  20.02.2011 | 11:52
evasi
 

Il poeta Joseph Brodsky, o, nella dizione russa, Iosif Brodskij, scrive su Montale che “anzichè imitare la vita, l'arte imita la morte, imita quel regno sul quale la vita non offre alcuna nozione”.

 

Chi come me condivide la sua affermazione, sostiene nel contempo che non possiamo fare a meno dell'arte, perché l'arte non è evasione. Se mai, fu il giorno del nostro concepimento o della nostra nascita a segnare il nostro esilio, la perdita di un'identità universale a favore di quella anagrafica. Quello della vita non è il nostro terreno, ma l'arte ci aiuta a ritrovare la nostra dimensione extra-corporea.

 

 

 

Scrive Brodskij della farfalla:

 

 

 

Sei migliore del Nulla.

 

O meglio: sei più prossima,

 

sei più visibile.

 

Di dentro, ad esso

 

del tutto simile.

 

Nel volo tuo

 

il Nulla acquista carne;

 

nel quotidiano strepito

 

ecco perché

 

uno sguardo tu meriti:

 

sei la barriera lieve

 

fra il Nulla e me.

 

 

 

Nella scrittura ritroviamo l'universo da cui siamo evasi, che abitavamo cento anni fa e che abiteremo fra cento anni. Uno scrittore lo lascia intuire, ma un poeta ha il potere sovrumano di mostrarlo fra le nebbie della vita.

 

 

Autore: robirobi | Commenti 0 | Scrivi un commento

   
Associazione
Culturale Tapirulan
via Platina 21
26034 Piadena (CR)
Italia
Tapirulan.it il portale degli artisti contemporanei

Webmasters: French+Coma
Redazione: Del, Dani, Foggio, French, Juan, Pigi, Silvio, Topus, Tauro, Ra, Vitto.
© Tutto il materiale presente su questo sito è protetto da copyright.