ARCHIVIO
Robirobi
  19.02.2008 | 14:48
le radici fondamentali
 

Con il mio primo stipendio ho comperato pane e insalata.

Dopo tre giorni di pane e insalata il mio primo stipendio era terminato.

Sono andato dal direttore e gli ho detto: “Ho comperato pane e insalata per tre giorni e il mio stipendio è terminato”.

“Ma va’, impossibile. Io non conosco il tuo stipendio - lo devi trattare con il direttore del personale - però la cosa francamente mi sembra un tantino esagerata”.

“Francamente ho comperato un tantino di pane e insalata, e non ho più soldi”.

“Niente donne?”.

“Non conosco donna”.

“Niente gioco?”.

“Cosa è il gioco?”.

Il direttore si è fatto serio. Magari nel mondo di adesso chi non gioca si fa una cattiva reputazione.

“Ti hanno rubato i soldi?”.

“Li tengo sempre nelle mutande, perché mi hanno detto che ci sono delle persone che come lavoro prelevano i soldi degli altri”.

“E che pane hai comperato, vivaddio, si può sapere?”.

“Ciabatta francese”.

“Aahh! Eehh! Oohh!“ fa il direttore allargando le braccia come se volesse stringermi a sè. “Ciabatta francese, si capisce. Vive la France, la grandeur, ti tratti bene, caro mio”.

“Ma la ciabatta non è una cosa preziosa, si mette ai piedi prima di andare a letto”.

“Quella italiana, magari. Ma la francese, vivaddio, la francese! E dimmi: l’insalata?”.

“Radicchio trevigiano”.

Il direttore spalanca la bocca, rilucente di denti preziosi. “Ma no! Epperforza! Ci credo, io, che uno stipendio non basta. Stai parlando di un’insalata famosa nel mondo, mica l’indivia, che cresce anche lungo i fossi. Il radicchio trevigiano viaggia in aereo in prima classe ed entra nei migliori ristoranti di New York. Hai capito? I migliori!”.

“Ma io pensavo che il radicchio avesse il valore di una radice”.

“E un albero senza radici che fa? La radice è fon-da-men-ta-le!”.

“Ho capito” dico infilando la porta. “Fondamentale”.

Ho passato il resto del mese a cercare negli orti altrui radici fondamentali, e i proprietari degli orti a cercare le radici fondamentali che avevano perduto.

In quanto al pane francese, posso fare a meno della grandeur, io. Anche se non so cosa sia, è pur sempre un elemento aggiuntivo. La prossima volta chiederò un pane senza grandeur, con poco sale.  

Autore: robirobi | Commenti 0 | Scrivi un commento

   
Associazione
Culturale Tapirulan
via Platina 21
26034 Piadena (CR)
Italia
Tapirulan.it il portale degli artisti contemporanei

Webmasters: French+Coma
Redazione: Del, Dani, Foggio, French, Juan, Pigi, Silvio, Topus, Tauro, Ra, Vitto.
© Tutto il materiale presente su questo sito è protetto da copyright.